Tai Chi Chuan per la terza età

Descrizione:

L’Ass. Culturale “Dao” in collaborazione con l’Ass. Sportiva “Arti d’Oriente” presenta il progetto “Tai Chi Chuan per la terza età” come attività motoria dedicata alle persone anziane.

Il TCC si occupa dell’apprendimento su se stessi del funzionamento della propria struttura, aiutando il praticante nella ricerca della corretta postura, della sensibilità, del radicamento a terra e dell’equilibrio, dei corretti movimenti da fare per evitare danni alle articolazioni con una migliore consapevolezza del proprio corpo. IL TCC è una disciplina che ha come caratteristica il fatto di non essere invasivo sul corpo, cosa che lo rende particolarmente adatto alle persone di una certa età.

Obbiettivi:

L’Ass.ne Dao si pone come obbiettivo quello di promuovere l’attività motoria nei centri anziani con una disciplina che gradualmente migliorerà il loro stato di salute, aiutandoli a comprendere meglio il loro corpo e, cosa più importante, migliorarne l’equilibrio, molto carente nelle persone dopo i 60 anni.

Inoltre è provato scientificamente che il TCC aumenta la produzione di midollo osseo, il che lo rende lo sport perfetto per le persone con problemi di osteoporosi.

L'elegante e complessa disciplina del TCC, date le sue caratteristiche, si rivela essere di grande aiuto all’anziano perchè di benefico impatto sui piani fisico, mentale ed emotivo:

  • Sul piano fisico esso e' difatti stimolo di attenta indagine e studio della più corretta postura e consapevolezza del proprio corpo.
  • Sul piano mentale e' fonte di miglioramento delle capacità di concentrazione e attenzione, attraverso esercizi di meditazione e rilassamento.
  • Sul piano spirituale\emotivo il TCC produce aumento dell’autostima, della disciplina, e del rispetto verso gli altri.

Tai Chi Chuan:

  • Tai Chi for Health: gli effetti benefici del TCC sono stati verificati ai giorni nostri, anche dalla Medicina Occidentale tanto che in tutto il mondo alcuni medici o ospedali consigliano la pratica del TCC per favorire la guarigione. È infatti provato che la pratica regolare de TCC, favorendo il riequilibrio energetico del corpo, acceleri il processo di guarigione, e in caso di operazioni chirurgiche il TCC diminuisce notevolmente il tempo di riabilitazione favorendo la riproduzione delle cellule.

Come agisce il TCC?

La teoria è che in un corpo sano, allineato e strutturato l’energia vitale scorre liberamente e senza blocchi cosi da rendere il corpo più resistente alle malattie, più in forma e meno soggetto ai fattori tipici dell’invecchiamento.

Il problema è che, a causa della vita sregolata tipica del nostro tempo, la cattiva alimentazione, l’inquinamento, e soprattutto le cattive abitudini posturali, si vengono a formare nel nostro corpo dei “blocchi energetici” che impediscono alla nostro Qi (o più semplicemente ai nostri fluidi corporei ad esempio il sangue) di circolare liberamente. Ad esempio una persona che è abituata ad avere le spalle alte e chiuse molto probabilmente soffrirà di mani fredde e di poca forza nelle braccia più di una persona che ha una corretta postura, e questo è dovuto al fatto che, se la spalla non è posizionata correttamente, i canali energetici e i vasi sanguinei subiscono una strozzatura che limita il passaggio del sangue, del nutrimento alle cellule e dell’energia in generale.

La pratica regolare del TCC fatta di esercizi ginnici di tradizione secolare non invasivi (e quindi praticabili da chiunque senza distinzione di sesso o età) ridona al corpo la corretta postura naturale, ridando morbidezza e spazio agli organi interni che il più delle volte soffrono di schiacciamenti e costrizioni dovuti ad un cattivo posizionamento della colonna vertebrale, cassa toracica ecc.
Nel caso ad esempio di una persona che soffre di cifosi (più comunemente gobba) la tendenza a piegare la spina dorsale in avanti provoca un conseguente crollo della cassa toracica su organi interni come milza e fegato, che conseguentemente funzionano a fatica, in modo meno efficiente.

TCC è lo sport più praticato al mondo e viene utilizzato anche in campo ospedaliero per accelerare il processo di guarigione, in campo aziendale per ridurre lo stress da lavoro ed aumentare il focus.

Il progetto sarà presentato attraverso alcuni incontri gratuiti con gli interessati.